Sesso, droghe e party

Sesso, droghe e party

_mg_8755In un locale, a una festa privata o in sauna capita di far sesso con più persone nel giro di poche ore. Situazioni di questo tipo possono sembrare un safe space, una «bolla» in cui si sta bene e il senso di appartenenza al gruppo è molto alto, soprattutto se si usano droghe. In queste situazioni si ha l’impressione che vada tutto bene e molti dei dubbi che avresti normalmente (o le preoccupazioni per le conseguenze) scompaiono come neve al sole.

Le droghe hanno il potere di aumentare il tuo appetito sessuale e la tua resistenza. Ne segue che potresti sottovalutare o scordare di proteggerti da alcuni rischi. Per via degli effetti delle droghe e della natura stessa del contatto sessuale, puoi provare un senso di fiducia e intimità anche con qualcuno che conosci poco o hai appena incontrato.

Come faccio a mantenere il controllo?

L’uso di droghe si accompagna sempre al rischio di perdere il controllo, anzi, per molte persone è il motivo numero uno per prenderle. Ciò detto, conviene sempre essere capaci di controllare la situazione per quanto riguarda i rischi in ambito sessuale. Ecco qualche consiglio per ridurre il rischio:

  • conosci i tuoi limiti: prendere troppa roba o mischiare tipi diversi è facile quando si è già in botta;
  • cerca di ricordarti cosa hai già preso e in quale quantità;
  • fallo nell’umore giusto: i maggiori rischi si corrono quando si è alterati, arrabbiati o tristi; se sei emotivamente fragile al momento di prendere droghe, sai anche che finirai per perdere il controllo, quindi magari pensa a valvole di sfogo alternative;
  • prendi le decisioni da sobrio: pensa in anticipo a cosa vai incontro e come intendi affrontare certe situazioni, è meglio prevederle e avere bene in testa i propri limiti che dover improvvisare;
  • porta sempre l’essenziale con te: profilattici a sufficienza, lubrificante a base d’acqua, siringhe pulite e i soldi per tornare a casa coi mezzi pubblici o in taxi; pensa anche alla lunghezza prevista della sessione di sesso;
  • se sei in terapia antiretrovirale, non dimenticarti le pillole;
  • assistetevi a vicenda: tieni d’occhio i tuoi compagni di gioco, magari datevi il cambio per tenere tutto sotto controllo.

E se succede tutto troppo in fretta?

A volte aiuta astrarsi dal contesto. Per esempio, trova un sistema per trascorrere qualche minuto per conto tuo e fare il punto situazione. Chiediti: Come sto? Sono in grado di prendere decisioni? È una situazione rischiosa? Adesso mi sto divertendo, ma se poi mi pento?

Sentirsi a disagio, impauriti, inermi o con la testa piena di rimorsi e di dubbi è un segnale chiaro. Fermati un attimo a pensare.

Magari è arrivato il momento di smettere di prendere roba, se:

  • stai rischiando di prendere l’hiv o altre infezioni sessualmente trasmissibili. E questo rischio riguarda anche gli altri partner;

  • sai di aver fatto sesso ma non te lo ricordi, né ricordi di aver dato il tuo consenso;

  • stai prendendo più roba del previsto, o più a lungo del previsto, o hai perso il senso del tempo;

  • ti rendi conto che a causa del chemsex arrivi tardi al lavoro o dai buca a degli appuntamenti importanti;

  • ti senti in colpa per l’uso di droghe o per le cose che fai quando sei in «paradiso»;

  • trascorri un sacco di tempo o in cerca di droghe e sesso, o per riprenderti da sessioni pesanti di chemsex;

  • non riesci più a goderti il sesso senza le droghe.

E se non mi sento bene?

Se soffri di attacchi di panico o depressione, l’uso di droghe da sballo aumenta il rischio di amplificarli fino ad avere gravi problemi mentali. In altre parole: le droghe tendono a innescare questi fenomeni latenti. Può anche capitare che tu non lo sappia e che lo scopra solo a cose fatte.

Quali sono gli altri rischi?

Se hai preso droghe, potresti non accorgerti di un preservativo rotto o sfilato. Lunghe sessioni di sesso penetrativo, magari particolarmente intenso, facilitano la rottura del profilattico. Il preservativo va controllato ogni tanto durante la scopata e cambiato ogni mezz’ora circa. Usare molto lubrificante riduce i rischi di cui sopra. Le droghe leniscono il dolore, per cui potresti non accorgerti di esserti fatto male nel retto o sul glande. Il rischio è provocarsi ferite e agevolare la trasmissione di infezioni come l’epatite c.

Se fai sesso di gruppo può essere difficile ricordarsi cos’hai fatto con chi. Cambia preservativo (o guanto per il fisting) per ogni partner, perché l’hiv e l’epatite c si possono trasmettere via muco anale o tramite piccole quantità di sangue fresco rimaste sul profilattico.



Questa pubblicazione è stata realizzata a partire dall’opuscolo “Understanding Chemsex” della Terrence Higgins Trust, realizzato a Londra nel 2015. Traduzione di Simone Buttazzi. Adattamento a cura di Sandro Mattioli, Giulio Maria Corbelli e Stefano Pieralli. Per la parte legale ringraziamo Niccolò Angelini. Fotografie di: Antonio Falzetti Layout: grrrow.com, Berlino. Le informazioni sono aggiornate al mese di giugno 2016. Pubblicazione realizzata grazie al progetto COPE dello European AIDS Treatment Group.
0 Comments
314 Views

Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi. Continuando a navigare, accetti l’utilizzo dei cookies.